Applicazione protettivi

Uno dei trattamenti più importanti di Detailing è l’applicazione protettivi: anche se abbiamo ottenuto un risultato ottimale con le fasi di lavaggio, asciugatura, decontaminazione con Clay Bar e correzione dei difetti con lucidatura, è solo con la protezione del risultato ottenuto che possiamo garantire il massimo ai nostri clienti.

applicazione protettiviPresso il nostro Detailing Center ci occupiamo anche di questa fase così delicata ma importante che consente, oltretutto, anche una maggiore semplicità di pulizia della vettura.

Inoltre, applicando i giusti protettivi sulla superficie del veicolo, possiamo donare una maggiore brillantezza alla vernice ed al colore, che diventa più intenso e brillante, ma anche protetto da raggi UV e dalle calamità naturali (come neve, pioggia ed altri agenti atmosferici).

Tra le varie tipologie di protezione che è possibile applicare con una specifica cura di Detailing, ricordiamo le seguenti:

  • Utilizzo di cere: proteggere la superficie del veicolo con l’uso di una cera può essere semplice, ma meno duraturo nel tempo. In sostanza, applicando questo tipo di protettivo sulla vettura rendiamo il veicolo protetto per un periodo variabile, da 3 a 12 settimane. La caratteristica principale è che la cera rende facile mantenere i risultati ottenuti: lo scorrimento dell’acqua sulla vernice (chiamato shiting) è migliore;
  • Utilizzo di sigillanti: dal punto di vista della durata della protezione nel tempo, sappiamo che il sigillante ci consente di ottenere un risultato importante fino a 6 mesi, restituendo alla vernice la sua originale brillantezza e lucidità. Inoltre, un altro vantaggio importante del sigillante è che esso ci consente di prevenire la formazione di imperfezioni rispetto a quanto sarebbe possibile ottenere con la cera. Il sigillante è, di conseguenza, su un gradino superiore rispetto alla cera anche perché è decisamente più intenso;
  • Utilizzo di Nanotech: esso appartiene alla categoria dei sigillanti ma è dotato, senza alcun dubbio, di una tecnologia molto più avanzata. Si chiama Nanotech perché utilizza la nanotecnologia, basata sulle particelle più piccole della materia, per ottenere un legame con il trasparente: l’utilizzo di questo agente protettivo consente di chiudere i pori, crea micron di spessore ed irrobustisce la superficie. I prodotti nanotecnologici contengono quarzo e ceramica: la loro composizione permette di ottenere una protezione ottimale grazie all’aumento dello spessore del trasparente ottenuto dalle loro proprietà naturali; in questo senso, sottolineiamo inoltre che vi sono anche i trattamenti alla ceramica, che rappresentano un’altra categoria comunque associabile, a livello di protezione, a quelli nanotecnologici. Tra le altre caratteristiche positive, ricordiamo la protezione dai raggi UV, la brillantezza della vernice, e la possibilità di pulire e mantenere più facilmente pulita la vettura nel tempo. Dal punto di vista della durata, questo protettivo batte tutti: infatti, esso può durare da 1 a 5 anni (la durata dipende anche dal tipo di trattamento Nanotech) rappresentando nei fatti la migliore protezione oggi presente sul mercato.

Ricordiamo che, oltre ad avere una funzione protettiva importante (con durata variabile a seconda del prodotto utilizzato) essi hanno anche la specifica funzione di rendere ancora migliore il risultato delle varie fasi di Detailing.

A proposito dell’applicazione dei protettivi per la protezione della vernice delle auto, sottolineiamo che le cere sono meno durature dei sigillanti e che tra il trattamento con sigillante e la ceratura del veicolo c’è una netta differenza: come abbiamo specificato, le cere hanno una durata minore rispetto al sigillante, e questo è già un primo motivo per il quale preferire il secondo alla prima. Inoltre, l’intensità di protezione data dal sigillante è di gran lunga maggiore rispetto a quella della cera: effetto, durata e funzione sono totalmente differenti .

La caratteristica principale delle nanotecnologie è che esse sono in grado di conservare le superfici nel loro stato ottimale, ed in alcuni casi oltre a correggere i difetti della vernice, possono prevenire e quindi evitare la formazione di alcune imperfezioni come ad esempio gli aloni dei moscerini, gli escrementi di volatili, le resine degli alberi e la salsedine che può lasciare il segno sulle automobili che vengono parcheggiate in prossimità del mare.

La loro durata può essere variabile: si parla di 10 anni, 5 anni, 2 anni o 1 anno, ma la cosa fondamentale è che per l’applicazione dei nanotech è necessario aver ottenuto una specifica abilitazione previo corso di formazione, cosa non richiesta per l’applicazione dei sigillanti.

Quando si acquista un’auto nuova è molto importante nonché consigliato che essa venga sufficientemente protetta con la nanotecnologia, perché in tal modo non vi si attacca lo sporco ed essa rimane pulita più a lungo. Una volta che essa viene trattata, è però molto importante utilizzare prodotti neutri, non detergenti aggressivi.

Un’automobile precedentemente trattata con Nanotech ha sicuramente un valore aggiunto, avendo dalla propria parte alcune case automobilistiche importanti e famose come Ferrari e Porche che consigliano l’uso della nanotecnologia sui propri veicoli.

Per quanto riguarda, invece, il trattamento degli interni, sappiamo che il problema più frequente dei nuovi tessuti è che essi tendono a macchiarsi anche con acqua pulita e che anche un po’ di caffè o acqua piovana possono rovinare gli interni di un veicolo: con i trattamenti a base di nanotecnologie si possono prevenire queste problematiche perché isolando il tessuto, le sostanze che cadono non penetrano ma rimangono in superficie e possono essere rimosse senza alcun problema.

Il trattamento a base di nanotecnologia è particolarmente efficace anche per gli interni in pelle, che possono macchiarsi a causa del trasferimento di colore da jeans o tessuti scuri: anche questo inconveniente può essere evitato.


Hai qualche domanda? Scrivici!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Torna su